UN PO' DI STORIA

Shoot Boxe
shoot Boxe è uno dei vari termini per definire una forma di combattimento totale nata in Giappone agli inizi degli anni 70.I giapponesi, alla costante ricerca di novità nel campo del confronto sportivo fra le diverse arti marziali, inventarono un sistema che rappresentasse il vero mix di stili di combattimento. Ai primi tornei a Tokyo gli atleti si affrontavano prediligendo le proiezioni ai colpi di pugno e di calcio. In seguito la disciplina si evolse con tecniche sempre più sofisticate comprendendo anche la lotta a terra e le ginocchiate. La nuova disciplina ebbe in Asia un certo successo. All'inizio, non avendo codificazione certa, veniva indistintamente chiamata 'shoot wrestling' o 'shoot boxing' a seconda dell'organizzazione che promuoveva l'evento. Negli anni 80 la disciplina in Giappone, cadeva completamente in oblio. Alla fine degli anni '80 la Shoot iniziò a diffondersi in America,come fenomeno sportivo, con delle regole ben precise e con le protezioni su gran parte del corpo, per arginare il dilagare degli incontri clandestini in cui non esistono regole con la conseguenza di combattimenti massacranti. Da anni, infatti, venivano praticati combattimenti "free stile" illegali, nei quali i contendenti, incitati da forti guadagnai, spesso ne uscivano feriti gravemente o mortalmente. Notevole era, ovviamente, il "giro" di scommesse clandestine. Negli anni '90 tornava in auge con delle forme più 'hard'di cui ricordiamo l'Hybrid Pancrace (shoot boxing a mani nude). Il fenomeno resta però più inteso come show che come disciplina sportiva. In Brasile nasce così il to-neo Vale Tudo ed inizia l'era dell 'free tight', disciplina che prevede tutto il repertorio della shoot ma con guantini piccoli a mano aperta, la cui degenerazione creò i tornei deno-minati UFC: Ultimate Fighting Championship. Il termine Shoot Boxe è inglese ed è composto dalle parole to Shoot, lanciare, colpire, ferire, e Boxe, boxare, fare a pugni. Pertanto, oggi, con questo termine si intende un combattimento libero interstile particolarmente cruento, dove sono ammesse le più pericolose tecniche di tutti gli sport da combattimento, sia nel combattimento e nella lotta in piedi sia in quello a terra. La sua polivalenza facilita l'inserimento di atleti provenienti da diverse scuole: lotta, pugilato, sanda, thai e kick boxing. Un atleta deve conoscere il pugilato, la lotta in piedi e a terra, le tecniche di gamba calci e ginocchiate e di braccia pugni e gomitate.
Altri link: